The Red Strings Club, la recensione: tra emozioni e cyberpunk

Naviga SWZ: Home Page » Articoli
Articolo del 1522909839
Autore: Matteo Tontini
Categoria: videogames





Ogni cosa che direte, nei panni di Brandeis, vi lascerà un sapore aspro in bocca e, nonostante la trama lineare di The Red Strings Club non vi dia altra possibilità se non quella di contrastare la corporazione, non avrete il lusso di avere ragione. Il gioco richiede solo cinque ore per essere completato, ma probabilmente vi troverete a pensare ai protagonisti o a rimuginare su dei risvolti nei giorni seguenti. Giocatelo in compagnia di un amico ed è possibile che discuterete delle domande che solleva tutto il pomeriggio.



La bellissima colonna sonora di The Red Strings Club è la ciliegina sulla torta, capace di iniettare un´ulteriore dose di film noir, evocando non solo Blade Runner ma anche altri film degli anni ´80. Profondo e stimolante, il gioco è breve ma gustoso fino alla fine. Va però sottolineato che è completamente in inglese e, pertanto, coloro che non hanno un buon rapporto con la lingua anglosassone potrebbero non digerire la grande quantità di testo presente. Tutti gli altri dovrebbero valutarne l´acquisto.



« Precedente     1  2  3  4 [5]  ]

Pagine Totali: 5