Dieci anni (più uno) di iPhone: come è cambiato lo smartphone Apple

Naviga SWZ: Home Page » Articoli
Articolo del 1517211002
Autore: Stefano Fossati
Categoria: mobile



Undici anni fa, il 9 gennaio 2007, Steve Jobs svelava al mondo il primo iPhone, il dispositivo che avrebbe cambiato il mercato degli smartphone e anche il modo di essere connessi e di comunicare di milioni di persone. Per celebrare il decennale di quella presentazione, alla fine dello scorso anno Apple ha lanciato l’iPhone X (dove X sta appunto per 10 in numeri romani). In mezzo, numerose generazioni di iPhone che, in oltre dieci anni, hanno scandito l’evoluzione dello smartphone di Cupertino, a volte portando innovazioni originale e a volte inseguendo la concorrenza sempre più agguerrita, ma sempre (o quasi) facendo segnare record di vendite che hanno contribuito in maniera determinante a fare di Apple il ricchissimo colosso hi-tech che è oggi.

Vediamo dunque, da quel primo iPhone del 2007 all’ultimo iPhone X, l’evoluzione delle diverse generazioni di iPhone nel corso degli anni.

Dieci anni (più uno) di iPhone: come è cambiato lo smartphone Apple - immagine 1

Apple iPhone 8 Single SIM 4G 64GB Grey - smartphones (11.9 cm (4.7"), 64 GB, 12 MP, iOS, 11, Grey)
Amazon.it: 698,99 €
Compra ora
2007: iPhone – Si chiama semplicemente così, senza numeri o altre sigle: è ancora un po’ acerbo, presenta limitazioni evidenti anche all’epoca, sia lato software sia a livello hardware, quali la mancanza di supporto agli mms – discretamente utilizzati in un’era in cui ancora non c’era WhatsApp – e al copia-incolla, ma soprattutto alle reti 3G, rendendo snervante la navigazione internet sulle lentissime reti 2G/Edge. Però introduce un touch screen “integrale” da 3,5 pollici, senza tastiera fisica (sul frontale, oltre allo schermo, c’è solo il caratteristico tasto home circolare) e con il supporto a gesture multitouch che avrebbero cambiato il modo in cui gli utenti interagiscono con un device. E poi c’è la fotocamera (solo posteriore) da 2 megapixel, che però non può registrare video. E c’è il software, colorato e intuitivo da usare, con animazioni divertenti e grandi icone che non richiedono l’uso del pennino, molto diffuso sugli smartphone in commercio fino ad allora, destinati più a una nicchia di professionisti che al grande pubblico. Manca però l’App Store, con Apple inizialmente orientata verso le web app nella sua visione relativa ai dispositivi mobili: ai tecnici americani nessuno ha ancora spiegato che in certi Paesi – come l’Italia – le connessioni a internet mobile sono ancora rare e costose. L’iPhone viene commercializzato negli USA a giugno 2007, con 4, 8 o 16 GB di storage, un quantitativo notevole per l’epoca, mentre non viene mai venduto ufficialmente in Italia.



[  [1] 2  3  4  5     Successiva » ]
Pagine Totali: 7