Come programmare con lŽambiente IDLE di Phyton: parte 1.

Naviga SWZ: Home Page » Articoli
Articolo del 1523341846
Autore: Fabio Ferraro
Categoria: tech





Per quando riguarda il processo di esecuzione di un file sorgente Phyton possiamo far riferimento alla figura seguente.

Come programmare con lŽambiente IDLE di Phyton: parte 1. - immagine 17

Una volta Realizzato il file sorgente che ha come estensione ".PY" tramite l´interprete Phyton viene generata una sua versione Byte Code (".PYC") che offre un overhead computazionale minore ed una rappresentazione del codice a basso livello ma non dipendente dalla macchina dovè verrà eseguito. Infine una istruzione del codice sorgente corrisponderà a tante in Byte Code. Il Byte Code verrà gestito dalla PVM (macchina virtuale Python) che eseguirà gli script (operazioni di Byte Code).

Elaboriamo un pò di codice. Eccezionale quanto utile la possibilità di poter inserire un comando o una variabile e poterla terminare con il tasto TAB.



Nei nostri esempi vediamo prima una funzione e successivamente il richiamo di una variabile generata precedentemente.



Per effettuare delle semplici operazioni come la calcolatrice basta inserire i dati ed infine premere invio.



L´ordine delle operazioni che hanno priorità di esecuzione è come quello dell´algebra.

Utilizziamo sempre le parentesi se non vogliamo generare errori di calcolo.
Tra le funzioni maggiormente usate abbiamo la "print".

Ci consente di stampare a video tutto ciò che è presente (secondo una giusta sintassi) nel suo argomento. Nel nostro caso una stringa deve essere inserita con ´ .. ´ o " ... ".
Per stampare ed ottimizzare le stringhe possiamo usare l´operatore "+" per la concatenazione delle stesse.


Se abbiamo una variabile intera che vale 42:-- > variabile=42


Con la funzione str(argomento) trasformiamo il nostro valore intero in stringa.

Come programmare con lŽambiente IDLE di Phyton: parte 1. - immagine 25Per la trasformazione in valori reali usiamo la funzione float.


Variabile ed operazioni

Nella seguente figura, illustriamo come viene gestita una dichiarazione di variabile.


Come programmare con lŽambiente IDLE di Phyton: parte 1. - immagine 26
In questo caso inseriamo il nome della nuova variabile da creare seguito dall´operatore di assegnazione ed il valore della stessa, Phyton ne associa il tipo in base ad una sua metrica. Inoltre viene associato all´indirizzo della memoria che contiene il valore della variabile il nome della stessa. 



Se abbiamo bisogno di conoscere il tipo di una variabile utilizziamo il comando type.







« Precedente     1  2  3 [4] 5     Successiva »   ]

Pagine Totali: 5